Warning: array_shift() [function.array-shift]: The argument should be an array in /web/htdocs/www.nodalmolin.it/home/config/ecran_securite.php on line 283
14 marzo sit-in rotatoria Viale Ferrarin contro strade che portano a guerre | No DalMolin

Questa terra è la nostra terra.


vicenza
28 febbraio 2015

14 marzo sit-in rotatoria Viale Ferrarin contro strade che portano a guerre

 

Sabato 14 marzo alle ore 11, costruiamo un sit-in alla rotatoria di Viale Ferrarin con l’obiettivo di contestare la presenza di strade che dai nostri territori conducono alle guerre nel mondo.

Il generale Ben Hodges, capo dell’armata Usa in Europa, è arrivato a Vicenza con l’atteggiamento del crociato e senza mezzi termini ha accusato i russi e Putin di avere invaso la regione del Donbass, in Ucraina.
Ai seicento soldati americani acquartierati nelle basi in città e destinati ad una missione di addestramento della guardia nazionale ucraina, notoriamente composta da corpi di nazisti e nazionalisti, ha affidato un compito: ovvero difendere l’Europa e renderla più forte. Un gesto di arroganza inaudita che vede le basi di Vicenza esposte in prima linea, come mai era accaduto finora, in scenari di guerra così vicini e così esplosivi. Ma assieme ai siti militari, che non dimentichiamolo, furono spacciati a suo tempo per basi di difesa nazionale, anche la città è spinta ad assumere sempre di più un ruolo di supporto logistico e geopolitico a favore delle strategie degli Usa.

L’amministrazione Variati infatti, che non ha mai perso l’occasione di partecipare a cerimonie di accoglienza di esponenti dell’apparato militare americano in visita alle loro truppe, anche questa volta non si è tirata indietro ed ha approntato una strada che attraversa l’intero Parco della Pace per facilitare entrate ed uscite dei militari dalla caserma Dal Din. Attraversamenti che sono assolutamente vietati a tutti gli abitanti per le note bonifiche belliche ancora in corso. Attraversamenti che costarono denunce e sanzioni a quei cittadini che il 25 aprile di cinque anni fa diedero il via ad una manifestazione che portò alla smilitarizzazione di quell’area altrimenti destinata ad ulteriori funzioni belliche.

Ora questo spazio di 600 mila metri quadrati è passato dal demanio militare al demanio pubblico ed infine al comune di Vicenza. E’ un’area che appartiene quindi alla città, un bene comune destinato a pratiche di convivenza e di pace e non di supporto a missioni di guerra in nome dell’Europa anche senza l’Europa e utilizzando una città anche senza il suo consenso. Pretendiamo allora almeno una presa di posizione da parte dell’amministrazione di questa città che prenda finalmente le distanze da atteggiamenti e dichiarazioni belluine di generali stranamore americani, che la smetta di correre in soccorso con strade e servizi alle loro esigenze, perché queste sono strade che hanno una sola via d’uscita, la guerra.

Ci mobilitiamo pertanto Sabato alle ore 11 alla rotatoria di Viale Ferrarin con un sit-in e con l’obiettivo di contestare queste strade che conducono alle guerre.

TAG: parco della pace guerra vicenza Gallerie fototografiche
Comunicati stampa
In primo piano
il totem delle grandi opere
Multimedia